www.rigassificatorenograzie.com


Vai ai contenuti

Video

Link

Puntata di REPORT su Rai 3

A TUTTO GAS
di Michele Buono, Piero Riccardi
Andato in onda domenica 29 ottobre alle 21.30
Parla dei rigassificatori e quello che c'è dietro all'approvvigionamento di gas...
Cliccate sul link Leggete i testi nella pagina...

http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E1068853,00.html

Link al video
http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-bf953d2b-1d28-413c-9147-fcdc616c611f.html

Da questa puntata......
.......

MICHELE BUONO (fuori campo)
Può accadere però in generale non accade. Certo. Ma nelle ipotesi di rischio bisogna considerare tutto. E a questo punto chiedo all’ingegnere se si può prendere in considerazione l’ipotesi di spostare l’impianto a mare, a largo della costa.

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Sono convinto che gli impianti a terra sono molto più sicuri degli impianti a mare.

MICHELE BUONO
Perché non si sente sicuro a mare lei?

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Non mi sento sicuro a mare perché, ripeto, le caratteristiche operative di un impianto off shore sono meno garantite, meno sicure di quelle di un impianto a terra.

MICHELE BUONO (fuori campo)
Poi finita l’intervista, mentre giravo dettagli di altre immagini, l’ingegnere precisa i suoi timori sugli impianti di rigassificazione messi a mare.

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Se va a finire in mare un serbatoio si ha un riscaldamento incontrollato del gnl che sta dentro.

MICHELE BUONO
E quindi?

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Quindi se pressurizza può fare il botto.

MICHELE BUONO
E lì c’è l’evento catastrofico.

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Lì c’è l’evento catastrofico. Perché il problema è che stiamo parlando di attività ultrasicure se gestite dall’uomo, non si ha dubbio che anche le criticità vengono risolte a terra ma una volta che ti sfugge il controllo dell’impianto, che il serbatoio non è più tuo, che è stato preso e messo a bagnomaria, come fai a garantire più la sicurezza?

MICHELE BUONO
Quindi anche se un impianto è distante, il botto che succede può interessare…

LUIGI SEVERINI- ingegnere
Sono quantità di liquido enormi, stiamo parlando…due serbatoi fanno 280.000 m3 moltiplicati per seicento volte.

MICHELE BUONO (fuori campo)
Ma 280.000 m3 di gas liquido a pressione dentro due serbatoi, moltiplicati per 600, se cascano in mare, diventano all’improvviso 168 milioni di m3 di gas che fanno il botto dentro i serbatoi, come ha detto l’ingegnere. E il 23 febbraio 2006 il ministero delle Attività Produttive ha autorizzato la costruzione di un rigassificatore galleggiante sul mare, proposto dalla società Olt, di fronte a Livorno, per produrre 8 miliardi di m3 l’anno di gas. E’ lungo più di tre campi di calcio e alto come 12 piani di un palazzo.


Torna ai contenuti | Torna al menu