www.rigassificatorenograzie.com


Vai ai contenuti

n°24 - 11.02.2011

Comunicati stampa

Prec.
Succ.

Comunicato stampa
24 del 11.02.2011


Il Comitato Rigassificatore-NOGrazie di Loreto, l’associazione Onda Verde ONLUS e il Comitato Quartiere Villanova di Falconara, Legambiente Marche e Italia Nostra hanno voluto promuovere insieme la conferenza stampa che si è tenuta all’Hotel Passetto di Ancona, allo scopo di informare su quanto sta avvenendo in relazione ai due rigassificatori, dei quali è stata proposta la realizzazione a Falconara M.ma e di fronte alla costa di Porto Recanati.

Per entrambi, infatti il Ministero dell’Ambiente ha espresso il parere favorevole sulla compatibilità ambientale, definendo il procedimento di VIA.

Si è voluta esporre la compatta contrarietà ad entrambi gli impianti per motivi da ricondurre oltre agli eventuali danni al turismo, a problemi di sicurezza, al forte impatto ambientale legato al grave inquinamento che rischia di compromettere l’ecosistema marino in conseguenza sia delle ingenti immissioni in mare di ipoclorito di sodio, che per il sensibile raffreddamento delle acque marine , necessarie al normale ciclo di funzionamento dell’impianto.

E’ stato, inoltre, osservato dall’Ufficio Tecnico della Provincia di Macerata che
“E’ ormai ampiamente noto che il cloro immesso nelle acque reflue ha in sé tossicità diretta. Esso è in grado di reagire con l’ambiente marino e dà origine a… composti che presentano una indubbia tossicità ed in grado già a basse percentuali di incidere sulla biocenosi interferendo con i normali processi metabolici dei pesci e del plancton. Tali emissioni e i relativi cloroderivati non solo potrebbero danneggiare l’ecosistema marino ma potrebbero costituire pericoli per la salute essendo bioaccumulabili e potrebbero transitare attraverso le reti alimentari… pertanto il pescato (includendo anche la mitilicoltura)… potrebbe risultare potenzialmente dannoso ed inidoneo per l’alimentazione umana”.

Un giudizio tecnico che è stato del tutto ignorato dal Ministero, che ha espresso il proprio parere nella totale insensibilità rispetto alle argomentazioni e alle istanze provenienti dal nostro territorio, quelle dei comitati allo stesso modo di quelle delle Amministrazioni locali, dai Comuni alle Province di Ancona e Macerata, fino alla Regione Marche, che con propria delibera dell’8 giugno 2010 ha preso una decisa posizione contraria all’impianto proposto da Gaz de France-Suez.

Tutto ciò ci indigna fortemente e ci convince ancora di più della necessità di contrastare in ogni maniera la realizzazione di progetti che appaiono determinati da puri calcoli utilitaristici e null’altro.

A questo proposito piace ricordare quanto affermato in questi giorni dall’onorevole Stefano Saglia, sottosegratario alle Attività produttive, che davanti all’assemblea degli industriali della Lombardia, ha dichiarato che “i rigassificatori (in Italia, ndr) si potranno contare in futuro sulle dita di una mano e non più di due”.

A fronte di questa affermazione e al fatto che risultano, in stato già avanzato di autorizzazione, oltre dieci impianti di questo genere nel territorio nazionale, viene legittimamente da chiedere agli stessi Ministeri interessati come verrà effettuata la scelta delle localizzazioni e perché, nel caso delle Marche, si continui ad ipotizzare la realizzazione di due rigassificatori.

Gli argomenti discussi nell’odierna conferenza stampa sono stati anche molti altri, rilevanti sul piano della tutela dell’ambiente e della salute, come su quello della sicurezza, per la quale i progetti proposti risultano fortemente carenti, tanto da omettere questioni di assoluta rilevanza, quale, ad esempio, la vicinanza dell’area aeroportuale di Falconara, con i connessi rischi.

La conferenza stampa è stata occasione anche per illustrare le ragioni del ricorso già proposto davanti al T.A.R. del Lazio contro la valutazione di impatto ambientale espressa per il rigassificatore di Falconara, nonché dell’intenzione di proporre ricorso anche per quello di Portorecanati.

I rappresentanti delle istituzioni locali sono stati sollecitati a promuovere a loro volta le iniziative giudiziarie necessarie a manifestare la loro opposizione, nel comune intento di non permettere la prevaricazione degli interessi dei cittadini.

COMITATO RigassificatoreNoGrazie
Il Presidente
Avv. Anna Maria Ragaini

www.rigassificatorenograzie.com


Torna ai contenuti | Torna al menu