www.rigassificatorenograzie.com


Vai ai contenuti

09.03.2010

Rassegna Stampa > ANSA

ANSA
Rigassificatori, “Spacca sei poco credibile”

Il Candidato Presidente della sinistra Massino Rossi ricorda al governatore uscente la posizione a favore dei rigassificatori espressa a fine anno. La nuova posizione sospetta di “opportunismo elettorale”. Necessario puntare veramente sulle energie rinnovabili, rifiutando i grandi impianti sostenuti dall’alleato del Pd, l’Udc.“Con quale credibilità Spacca si erge oggi a paladino di quei comitati che da tempo sono mobilitati contro i due rigassificatori di Falconara e Porto Recanati, quando solo pochi mesi fa metteva i due progetti tra gli obiettivi della prossima amministrazione regionale?”. Così il Candidato Presidente Massimo Rossi interviene in materia di energia e in particolare su una questione da tempo oggetto di polemiche e iniziative nei territori interessati. “Nell’opuscolo “Un lavoro concreto per le Marche del futuro”- prosegue Rossi - , stampato con soldi di tutti noi e di fatto una pubblicazione elettorale, nel capitolo dedicato alle politiche energetiche, a pagina 98 si prevede tra le altre cose “l’approvazione di 2 progetti di rigassificatori nelle Marche”. Del resto per Rossi basta andare a consultare gli atti ufficiali per avere ulteriore verifica. Tra questi cita la seduta del consiglio regionale di novembre, durante la quale, rispondendo ad una precisa interrogazione del consigliere del Pdl Francesco Massi, l’assessore al lavoro Fabio Badiali ribadiva sull’argomento “la posizione favorevole per i vantaggi sul sistema di approvvigionamento del gas metano per la parte Nord-Est dell'Italia e quindi anche per la regione Marche”. Per il candidato del Prc, Pdci e Sel “con questi presupposti il 28 e il 29 marzo gli elettori del centrosinistra rischiano di firmare una specie di cambiale in bianco, rischio ancora maggiore dopo l’accordo con un partito come l’Udc che, a partire dalle centrali nucleari, è favorevole alla realizzazione di quegli impianti energetici tradizionali e pesante impatto per il territorio, che sono esclusi proprio dal Pear”. Insomma la posizione di Spacca puzza di “opportunismo elettorale”. Per Massimo Rossi è proprio dal Piano Energetico Regionale che invece bisogna partire, richiedendone la “piena attuazione”, per garantire nei tempi più rapidi possibili “l’abbandono dell’uso di fonti da combustibili fossili”, impedendo la costruzione di centrali e rigassificatori distruttivi del territorio e dell’habitat naturale, e mettendo al centro della politica energetica regionale l’utilizzo delle fonti rinnovabili come il “solare, l’eolico, il geotermico, il microidroelettrico”.
Ancona 9 marzo 2010



(VEDI: 'REGIONALI: ROSSI, SU RIGASSIFICATORI...' DELLE 17:13) (ANSA) -
ANCONA, 9 MAR - “Confermiamo, se ancora ce ne fosse bisogno, visto che lo abbiamo detto ormai in tutte le sedi e in ogni modo, il nostro no alla costruzione dei due rigassificatori di Falconara e Porto Recanati”. E’ quanto dichiara l’assessore regionale all’Energia e fonti rinnovabili, Fabio Badiali, replicando alle affermazioni del candidato presidente della sinistra Massimo Rossi sull'argomento. "Rispetto alle previsioni iniziali ¨ dice Badiali ¨ i tempi sono mutati e con essi le condizioni stesse legate all’approvazione dei due progetti. Sono seguite tutte le opportune verifiche ed è stata avviata una serie di incontri con i comitati di cittadini che con intelligenza e preparazione si sono mobilitati contro la costruzione dei due impianti. Il confronto che ne è derivato e le valutazioni tecniche a cui si è giunti hanno portato la Regione a ribadire la contrarietà alla costruzione dei rigassificatori da un punto di vista tecnico. Ogni ulteriore polemica è a questo punto inutile e strumentale”.

(ANSA). COM-DAN 09-MAR-10 19:10


Botta Risposta tra il Candidato alla Presidenza Massimo Rossi e l'Assessore Fabio Badiali sui rigassificatori


Torna ai contenuti | Torna al menu